C’è asta e asta

Nella casa dello studente in cui mi trovo (fino alla fine del mese) c’è una connessione ad internet con un proxy. Il proxy possiede un firewall che controlla le parole immesse nelle ricerche e negli indirizzi (credo sia così, più o meno: questo post non ha la pretesa di spiegare il funzionamento di alcunché, ma solo di mostrarne gli effetti). Essendo molti anni che ci vivo (e ci convivo) so esattamente quali sono le parole inserite in una ricerca o che si trovano nell’indirizzo del dominio a rimandare al sito istituzionale dell’azienda per il diritto allo studio dell’emilia-romagna. Sono parole ovvie: sesso, tette, porno ecc. Anche la parola “pedofilia” e “pedofilo” sono nella lista, con il risultato che non si possono leggere nemmeno le notizie di cronaca negli articoli che le contengono (come se un pedofilo cercasse veramente la parola “pedofilo” in rete!). Un’altra molto interessante soprattutto in questi giorni è “topless”. Se la curiosità di vedere il petto nudo della duchessa di Cambrdge vi dovesse cogliere non è qui che la potete cercare. La cosa interessante è che le stesse parole di cui sopra anche se scritte in inglese producono lo stesso risultato. La pagina istituzionale dell’azienda si apre e voi vi sentite un po’ colti in castagna, vi vergognate un po’, solo un po’ però. Perché invece per vedere della sana pornografia è facilissimo. Basta sapere che gli indirizzi dei siti porno non contengono la parola “porno” e quindi la ricerca può dare certamente esito positivo. 
Oggi pomeriggio volevo provare un’emozione. Volevo leggere la storia di Dick Fosbury su Wikipedia, leggere dell’impresa compiuta a Città del Messico, della rivoluzionaria tecnica per il salto con l’asta che ancora oggi porta il suo nome. E invece no. Per il firewall (o chi per lui) Dick Fosbury è una parolaccia, perché in inglese la parola “dick” non è solo un nome di persona, ma si può tradurre con “cazzo, verga, uccello, cetriolo ecc” anche se in effetti, in inglese, se dite “dick” (proprio perché è anche un nome) non state dicendo proprio una parolaccia come se in italiano diceste “cazzo”. Misteri delle lingue comunque. Quello che risulta incredibile è che, nel mio caso, cercando un saltatore con l’asta il sistema mi ha pizzicato pensando che fossi in cerca di un altro tipo di asta.
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...