Archivi categoria: tempi bui

Zalone, Star Wars e l’arte di raccontare storie

Una storia è la nostra memoria in forma diversa, è la rappresentazione di motivazioni, archetipi e desideri che conosciamo sotto forma di bisogni, atti e realizzazioni in ogni fase della nostra vita. L’universalità delle storie e dell’arte del narrare, la trasversalità culturale degli schemi narrativi e delle funzioni dei personaggi è risaputa e banale. Abbiamo bisogno di storie come abbiamo bisogno di confidarci con un amico o di raccontare un’avventura amorosa, un brutto incidente o un successo negli affari o nella professione. Il tentativo di spiegare il successo dei film con Checco Zalone è la cattiva sociologia in cui affogano molti blog e la quasi maggioranza delle discussioni in rete, così come quelle sull’ultimo film di Star Wars che si sono trasformate in veri e propri corsi di narratologia filmica e/o tout court. Tutto questo è molto interessante, ma quella stessa cattiva sociologia rispecchia l’altro tragico tormentone nei dibattiti pubblici e durante le cene o gli aperitivi di chi si occupa di letteratura: lamentarsi delle classifiche dei libri più venduti e della mancanza di dibattito e di denuncia del livello ormai abietto a cui si sono ridotti i consumatori di letteratura nel nostro Bel paese. Immagino scenari apocalittici alla Fahrenheit 451 in cui invece dei memorizzatori i lettori di “buoni libri” se li passano fra loro magari usando “Little Free Library” o altri mezzi di book sharing e leggono di nascosto i capolavori universali della letteratura continuando a comprare i più sordidi titoli nei supermercati, negli uffici postali, negli aeroporti e financo nelle librerie, giusto per non sfigurare, e rimanere alla moda sfoggiando sul comodino il best-seller di turno che nell’80% dei casi non si legge nemmeno. L’ultimo film di Star Wars è un esempio di storia raccontata davanti a un caminetto globale e illuminato da un mito commerciale e blasonato, un culto vero e proprio che riprende il filone della persona normale che si ritrova con dei poteri a dover salvare il mondo. In qualche modo è una storia che conosciamo bene e ci piace vederla e rivederla perché sembra che parli di noi. L’ultimo film di Checco Zalone è un esempio di film costituito da frammenti di conversazioni, di sketch di cui saremmo potuti essere protagonisti, in cui ci sembra di riconoscere l’amico più simpatico del nostro gruppo e rientra in un modello di narrazione che rimanda più a Youtube e al bar che all’arte di raccontare storie. Siamo tutti pieni di pregiudizi e così anche la battuta più becera, quella che non è affatto satira, ma soltanto uno sfottò viscerale che invece di chiamare alle armi la nostra intelligenza primaria, fa scattare i nostri bassi istinti di animali braccati, ci fa ridere come se non avessimo mai riso prima in vita nostra e la sociologia spicciola cerca di spiegare il fenomeno parlando di involuzione. Se stessimo tutti più attenti a raccontare storie tipo Star Wars e ci dedicassimo alla narrazione mostrando gli esempi riusciti di quest’arte scopriremmo che non abbiamo bisogno di spiegazioni consolatorie, ma di storie spiazzanti, e invece di celebrare indirettamente ciò che ci sembra giusto odiare e disprezzare restituiremmo giustizia a chi la merita, e magari, ma solo per magia, vedremmo le classifiche dei libri più venduti come (forse) dovrebbero essere: sottosopra.

p.s.: non ho visto né Star Wars: Il risveglio della forza,Quo vado?.

L’ultimo libro che ho letto è Il vagabondo delle stelle di Jack London. Fate voi.

Contro le religioni

Tutte le confessioni religiose si dicono contrarie a uno Stato confessionale, organizzano tavoli di confronto, conferenze e dibattiti per ribadire l’importanza e il valore sostanziale della vita umana e dei diritti civili. Allora perché quando si discute se lo Stato italiano debba o meno dotarsi di leggi o strumenti giuridici che permettano di allargare i diritti civili delle persone, tutte le confessioni religiose si preoccupano di organizzare campagne, conferenze e dibattiti contro diritti civili quali il matrimonio omossessuale, l’eutanasia, l’inseminazione artificiale o l’utero in affitto, l’equiparazione della tassazione per le attività commerciali religiose come se questi non avessero un valore sostanziale per lo Stato in cui mancano? La risposta è una sola. Le religioni sono contradditorie. Da millenni la civiltà nel suo più alto significato, per affermarsi ha dovuto combattere  solo contro una cosa: l’oscurantismo religioso e l’autorità della verità rivelata che non avevano altro scopo che il controllo delle masse e l’affermazione del  potere politico. Le religioni hanno causato direttamente e indirettamente la morte delle più grandi menti che siano apparse sulla faccia della Terra: Socrate, Ipazia, Giordano Bruno, Galileo Galilei, Cartesio, Cardano, Campanella, Tommaso Moro, Oscar Wilde, Alan Turing solo per ricordarne alcuni. Personalità che hanno contribuito all’elevazione dell’uomo da semplice macchina termodinamica a essere capace di sconfiggere le malattie, il dolore e l’ignoranza, di portare la cultura umana a un livello visibile e chiaro, materiale e sottoponibile a giudizio, in una parola a rendere l’uomo libero dalla schiavitù dell’altro uomo e non soggiogabile né alle parole, né alle credenze di altri solo perché sono o sarebbero della maggioranza.

A questo punto mi domando se una società che vuole affrontare coerentemente con i suoi cosiddetti valori le sfide del suo tempo, non debba allargare i suoi diritti subito e senza remore, altrimenti quelle che sembrano apparire solo come delle resistenze psicologiche e incomprensibili di poche sacche di oscurantismo all’interno della nostra società, possono invece diventare la preparazione del terreno ideale per uno Stato confessionale e terroristico che non deve far altro che arrivare e bussare alla porta giusta. Non c’è scritto nella Bibbia “chiedi e ti sarà dato”?

il desiderio è rivoluzionario

nell’800, ma anche nel ‘900, ai Popoli oppressi si promettevano atroci sofferenze  dopo la morte per comportamenti non consoni alla morale tipo: voler votare, votare, voler essere pagati adeguatamente per il proprio lavoro, pretendere un’istruzione per i propri figli. Se avevi questi comportamenti nelle piazze ti sparavano letteralmente. Quelli che invece se ne stavano a casa, lavoravano silenziosamente fino a spaccarsi la schiena, non mandavano i figli a scuola e trattavano la moglie peggio del cane l’avevano capito benissimo: se eri immorale andavi all’inferno e l’inferno, nell’Ottocento (ma anche nel Novecento) esisteva ancora; era un luogo bruttissimo, così brutto che Berlusconi al Governo e ex-fascisti come ministri sembrano il Paese delle Meraviglie (belle, perché uno si può anche meravigliare per cose non belle). Dunque si stava a casa per non finire all’inferno (quando si poteva, poichè la giornata lavorativa poteva anche durare 18 ore, tanto che cazzo facevi? mica c’erano le partite, la radio, il cinema, al massimo picchiavi la moglie o andavi all’osteria con gli amici).
Oggi nessuno più è immorale. Qualcosa è cambiato. Ma non tutto. Cercano sempre di non farti andare a votare, però ti ricordano che potresti andare al mare (c’è un virus, chiamato Quorum, moooolto pericoloso). Al lavoro ti pagano, però non abbastanza per arrivare alla fine del mese, poiché da digiuni è più piacevole faticare e il tempo libero (se ce l’hai) lo passi a invidiare tutti  i  passatempi che non puoi permetterti. L’istruzione ai figli la danno, ma non sempre a scuola c’è posto, i professori sono pericolosi perchè non sanno cosa sono i valori della famiglia e qualche volta raccontano quello che c’è scritto nella Costituzione; ogni tanto una scuola crolla, ma è per ricostruirne una più bella, o almeno per immaginarla. Comunque c’è Internet, Wikipedia è gratis, il lavoro non c’è per tutti, che studi a fare? 
Se queste particolarità della vita moderna non ti piacciono e scendi in piazza a manifestare il tuo sdegno, a chiedere una vita migliore non sei più immorale,  ma sei comunista (che una volta era l’immorale per antonomasia, appunto perché non credeva in Dio dunque non poteva credere all’inferno). Ma se non c’è più l’inferno, vi domanderete miei pochetti lettori, perché ci sono molti che rimangono lo stesso a casa con la vita di merda che fanno? 
Semplice, rimangono a casa a guardare la televisione. La televisione ti racconta la vita di gente che si diverte, che fa un sacco di feste, che tradisce, che ama, che odia, che sforna marmocchi, di macchine meravigliose e luoghi esotici, di mondi che solo essa può mostrarti, di emozioni che difficilmente potrete provare, soluzioni così immaginarie e alternative ai comportamenti di cui prima che il mio blog gli fa una sega.
Questo è cambiato. O con l’inferno o con la televisione ci vogliono soltanto come spettatori. La bella notizia è che non lo siamo. Ogni situazione si da’ per creare, vivere e esistere, basta desiderarlo, e il desiderio, si sa, ma in televisione non lo dicono mai, è rivoluzionario.